News Recenti


Amway: 3 elementi essenziali per il successo nella vendita diretta

Trasmettere fiducia Una ricerca della società Amway fa chiarezza su cosa si deve fare e cosa non si deve fare per poter vendere prodotti ai consumatori nei social network.

Trasmettere fiducia

Una ricerca della società Amway fa chiarezza su cosa si deve fare e cosa non si deve fare per poter vendere prodotti ai consumatori nei social network.

Nell’era del peer to peer, le vendite social – vendite effettuate da persone nei social media – stanno fiorendo a un ritmo senza precedenti. Il 60 per cento degli americani sono stati contattati da un venditore nei social ed un terzo di questi consumatori hanno acquistato i loro prodotti. Più significativamente, l’85 per cento degli americani che hanno acquistato i prodotti dai venditori nei social sono clienti abituali, questo dimostra l’importanza nel creare rapporti tra venditori e consumatori, che permettono poi di comprendere al meglio le preferenze e le esigenze dei propri clienti.

Una ricerca della società Amway, condotta da Wakefield Research, mette in risalto i punti forti e deboli delle vendite nei social network e quello che i consumatori vogliono – o non vogliono – dai venditori.

Trasmettere fiducia

La fiducia è il fondamento per instaurare rapporti duraturi con i clienti e per avere una carriera di successo come fornitore nei social. I consumatori non vogliono sentire solamente discorsi mirati alla vendita – essi stimano un venditore che ha una profonda conoscenza del prodotto e che conosce le esigenze dei suoi clienti. L’87 per cento degli americani crede che sia importante che i venditori nei social dimostrino la conoscenza dei prodotti stessi attraverso foto e video sui social media consentendo di far emergere la propria personalità anche nella rete. Tra l’altro, il 60 per cento dei consumatori, non si fidano dei venditori nei social network che non conoscono a fondo i prodotti.

“Si può vendere un prodotto solo se si è appassionati”, afferma Jim Ayres, amministratore delegato di Amway Nord America. “Gli imprenditori indipendenti di Amway sono, in molti casi, gli utenti abituali e i testimoni dei prodotti che vendono. Se i venditori sono in grado di dimostrare in modo efficace l’alta qualità dei prodotti, in particolare attraverso l’uso di questi, saranno visti come persone più affidabili. “

Usare la giusta tattica

Come con qualsiasi altra attività, ci sono modi giusti e sbagliati per affrontare le vendite nei social. Ad esempio, persistere – ma non troppo – è la chiave per stabilire relazioni. In media, gli americani hanno comprato da un venditore nei social per la prima volta solo dopo essere stato contattato almeno tre volte. Inoltre, vi è una sottile linea tra l’essere persistenti ed essere troppo opprimenti nella promozione di offerte: Il 64 per cento degli americani si sono sentiti “sotto pressione” dopo aver comprato qualcosa da un venditore nei social mentre il 53% delle persone pensano che i venditori nei social network siano più “aggressivi” piuttosto che di persona.

“Avere una strategia e comportarsi in modo trasparente sono elementi principali per il successo delle vendite nei social. E ‘essenziale contattarli e seguirli”, dice Rajneesh Chopra, vice presidente delle vendite di Amway Nord America.

Coltivare relazioni

I consumatori sono alla ricerca di un rapporto di fiducia e di amicizia con il fornitore – infatti, l’83 per cento dei consumatori che hanno acquistato prodotti da fornitori nei social, hanno dimostrato una notevole importanza nello stabilire un rapporto prima di acquistare un prodotto.

Jackie nichel, Chief Marketing Officer di Amway NorthAmerica, si è rivolto ai giovani in particolare, dicendo “rappresentano un grande esempio nel settore della vendita nei social”.

“Per la vostra generazione, questo business risulta interessante, soprattutto quando è un amico a contattarvi attraverso i social media.”, ha detto Nickel.

Traduzione: Alessandro Diodovich MLMZOOM.IT
Fonte: universomlm.com

Fonte News...


Tags: network marketing
0 commenti
Report        

Leggi anche:

(max 200 caratteri)

(max 256 caratteri)